Torna su

 

 

 

Come creare la linea editoriale

3 dicembre 2020
di lettura

In quasi tutti gli articoli che ho pubblicato su DigIT Export la frase “linea editoriale” è apparsa. Questo perché - repetita iuvat – in un mondo in cui tutti offrono tutto, a qualsiasi prezzo, da qualsiasi parte del mondo la capacità di raccontare la propria azienda e i propri prodotti diventa strategica ai fini della fidelizzazione del cliente e della vendita.

Uno dei più grandi scogli è mantenere il passo del maratoneta, il ritmo di pubblicazione
Spero con questo articolo di dare degli spunti pratici al fine di sviluppare un’efficace linea editoriale. 

Il tempo

E’ fondamentale, prima di selezionare le tematiche e calendarizzare post, white paper e quant’altro, avere un’idea chiara di quanto tempo vogliamo investire per creare contenuti. 

Questa consapevolezza, è il primo atto di realismo che può farci comprendere se ci crediamo a questa attività, o la stiamo facendo perché ce l’ha offerta la nostra agenzia e non vogliamo esternalizzarla. 

Nondimeno, selezionate la/le risorse che volete coinvolgere nella creazione di contenuti e chiedete loro: 

  • Quanto tempo per un post?
  • Quanto tempo per produrre un'intervista video?
  • Quanto tempo per un white paper?
  • Quanto tempo per una scheda tecnica?

Solo così avrete il peso di quanto tempo costa in termini di ore lavoro la vostra comunicazione e quanti contenuti potete realisticamente pubblicare. 

I pilastri tematici

Ora passiamo alla selezione dei temi. Chi vi scrive è convinto che il tema migliore sia quello che risolve un problema o una necessità del cliente e che gran parte della comunicazione aziendale non possa prescindere da questo. 
Più in generale possiamo tracciare delle linee guida per la selezione tematica: 

  • evitare temi autoreferenziali 
  • evitare argomenti che non siano di profondo interesse per il nostro target (domandandoci ad esempio: se fossi un cliente, lo leggerei davvero?). 
  • considerate sempre gli obiettivi marketing e sales. 

Dedicate un calendario a questa attività

Prendete un calendario digitale, ovvero un calendario vero e proprio, e iniziate a segnare

  • media
  • format 
  • tema

Eventi importanti

Una traccia preventiva che possiamo seguire sono gli eventi importanti. 
Oltre alle solite festività, intendo la partecipazione a fiere o incontri di settore, l’organizzazione di seminari o momenti formativi, nonché altre date in cui sappiamo avverrà qualcosa degno di nota, come il lancio di un prodotto
In questi casi possiamo prelazionare delle date, prima e dopo il lancio. 

Trimestri / quadrimestri

Sempre in merito alle linee guida da seguire nel gestire la linea editoriale, consiglio di fissare delle tematiche stagionali (tre/quattro mesi) che permettano di avere una coerenza narrativa, quand’anche la comunicazione si articolerà per contenuti differenti. 

Cadenza

Infine decidiate il ritmo. 
Le aziende mi chiedono spesso quale sia il giusto ritmo di pubblicazione. Ciò che vi posso dire è di fare i conti con la qualità della produzione (quindi, a volte, anche con il ritmo dei fornitori) nonché con il numero di social che volete presidiare. Se avete seguito i punti precedenti, il ritmo di pubblicazione nascerà di conseguenza. Se invece non avete ancora analizzato alcun punto, mi permetto di consigliarvi 2 post a settimana e un Paper al mese. 

Vuoi ricevere maggiori informazioni o consigli per la tua azienda?

Scopri il servizio gratuito DigIT Expert per aziende della provincia di Genova, Milano, Monza Brianza, Lodi, Modena, Udine e Ravenna.

Iscriviti a DigIT expert, fissa un appuntamento gratuito per confrontarti con un nostro esperto o poni un quesito scritto.

Vuoi analizzare le potenzialità online della tua azienda e migliorarle per vendere all'estero?

Scopri DigIT Test. Rispondi a una serie di domande che ci serviranno per inquadrare il tuo profilo e per fornirti informazioni utili a migliorare la tua presenza online.

Il servizio è gratuito e riservato alle aziende emiliano-romagnolelombarde, umbre e delle province di Caserta, Catanzaro, Cosenza, Genova, Pisa, Udine, Salerno. Inizia il tuo percorso