Torna su

 

 

 

Ambiente, la fiera leader per l’oggettistica e il design per la casa

31 marzo 2020
di lettura

Come sta cambiando e come cambierà una delle fiere leader dell’interior design e oggettistica? Quale sarà il futuro di questa manifestazione dopo l’emergenza Covid19?

Ogni febbraio si tiene a Francoforte Messe, in Germania, la fiera Ambiente, uno dei più grandi eventi internazionali per il settore dei beni di consumo. Insieme ad M&O a Parigi e al Salone del Mobile di Milano, è uno degli appuntamenti fondamentali per il settore dell’interior design.

Alla fiera partecipano solitamente oltre 140.000 visitatori e quasi 5000 espositori da 95 Paesi, con una crescita del 3% di visitatori anno su anno, di cui la metà proveniente dall’estero. 

I tre principali gruppi di prodotti presentati alla fiera sono gli articoli per la tavola, gli articoli da regalo, gli articoli per casa e giardino, con le ultime tendenze di design contemporaneo e gli ultimi sviluppi del mercato, per sostenibilità e creatività.

I visitatori professionali frequentano la fiera alla scoperta di nuove opportunità commerciali o per conoscere nuovi mercati. Provengono dal settore della vendita al dettaglio, del commercio all'ingrosso e dell’export e frequentano Ambiente, considerandola la piattaforma di approvvigionamento più importante al di fuori dell'Asia. 

Ambiente quest’anno ha presentato un’offerta ampliata e altamente specializzata dedicata all’HoReCa (acronimo di hotellerie, restaurant e catering). Gli espositori di Ambiente che si sono concentrati su questi canali di distribuzione sono stati riportati nella Contract & HoReCa Guide. L’HoReCa Academy ha offerto ai visitatori l’opportunità di un confronto professionale con conferenze tenute da esperti, tavole rotonde e molti altri eventi.

La fiera ha lanciato anche la mostra “Focus on Design”, per dare spazio a nuovi attori nel mondo del design. Quest’anno il Paese su cui si è concentrato l’evento è stato il Brasile, che si sta sviluppando a ritmi molto sostenuti nel mondo del design. 

I buyer alla ricerca di nuove idee e prodotti originali hanno inoltre potuto incontrare giovani talenti emergenti con progetti di design e creazioni all’avanguardia.

Ambiente 2020 ha ospitato il German Design Award, il Premio all’innovazione in cucina, il Plagiarius (il premio negativo assegnato a chi plagia i prodotti), il Tableware International Awards of Excellence (premio che rende omaggio ad articoli in vetro e porcellana), il Dineus-Award (per progetti e prodotti del settore table).

Purtroppo, quest’anno la Fiera ha subito un forte calo di presenze, a causa dell’epidemia di covid-19 (tra il 25 e il 50% di visitatori in meno) sottolineando una tendenza che non potrà che peggiorare nei prossimi mesi.

Sempre più dunque si apre la necessità di riprogettare i grandi eventi in un’ottica il più possibile virtuale. Le grandi fiere risentono fortemente degli eventi sociopolitici, e già da tempo devono trasformarsi in luoghi virtuali, dove le novità vengano presentate con video, webinar e piattaforme digitali pensate per il networking e lo scambio di informazioni. Un luogo dove i decision maker nazionali e internazionali possano condividere offerta e domanda senza spostarsi fisicamente dell’ufficio e scoprire in anteprima quali saranno i trend nel mondo dell'interior design.