Help Desk

Torna su

 

 

 

Germania: il mercato online e le opportunità per il digital export

10 febbraio 2020
di lettura

Nazione con il reddito medio più alto d’Europa e al primo posto come popolazione, la Germania è sempre stato il primo mercato per l’export italiano tradizionale.

In Germania il 90% della popolazione accede a internet, di cui l’88% tramite connessione a banda larga e 74 milioni di tedeschi comprano via web. Solo il 15% dichiara inoltre di aver fatto un acquisto da mobile.

Nel 2018 le vendite di e-commerce BtoC in Germania sono state di quasi 100 miliardi di dollari, rappresentando circa il 13% delle vendite al dettaglio, ma con alcune categorie con percentuali molto importanti come Elettronica&Informatica (26,9%), Moda (24,3%), DoItYourself (17,2%), Arredo Casa (13,8%).

Il 45% degli utenti internet tedeschi non ha mai comprato un prodotto online all’estero, ma il 23,7% (circa 18 milioni di persone) dichiara di farlo almeno una volta all’anno, rappresentando così un mercato potenziale interessante anche per le imprese italiane di tutti i settori.

Un acquirente tedesco su quattro apprezza la disponibilità della consegna rapida o del ritiro locale. La consegna in giornata non è essenziale, ma oltre il 50% degli acquirenti tedeschi ritiene che la spedizione standard, da tre a cinque giorni lavorativi, dovrebbe essere gratuita.

I corrieri più usati in Germania sono: DHL (49%), DPD (16%), Hermes (14%), UPS (13%), GLS (8%).

Quando fanno un acquisto all’estero, i tedeschi cercano soprattutto prodotti provenienti da Gran Bretagna, Stati Uniti e Francia e sono più propensi ad acquistare fuori dai propri confini se le norme sui resi internazionali coincidono con quelle tedesche.

Per abitudine e costume i compratori a distanza in Germania (prima con le vendite via catalogo, ora con quelle via web) hanno un tasso di reso molto alto, che per i prodotti moda arriva al 50%. Questo significa dover organizzare una “reverse logistics” molto efficiente, pena il fallimento di un piano di digital export verso questo paese.

L’80% dei compratori online tedeschi non completa l’acquisto se non trova uno dei metodi di pagamento a lui familiari, cioè open invoice (fattura da pagarsi entro 14 giorni dalla consegna), addebito sul conto corrente oppure e-wallet. Le carte di credito sono un metodo online usato solo da una minoranza dei consumatori.

A fine 2018 Amazon era il primo sito di e-commerce in Germania, con circa 9 miliardi di dollari di fatturato, seguito da Otto (3 Mld) e Zalando (1,4 Mld).

Vuoi ricevere maggiori informazioni o consigli per la tua azienda?

Scopri il servizio gratuito DigIT Expert per aziende della provincia di Genova, Milano, Monza Brianza, Lodi, Modena, Perugia, Lucca, Massa Carrara, Pisa, Ravenna, Salerno, Sondrio, Terni, Udine.

Iscriviti a DigIT expert, fissa un appuntamento gratuito per confrontarti con un nostro esperto o poni un quesito scritto.

Vuoi analizzare le potenzialità online della tua azienda e migliorarle per vendere all'estero?

Scopri DigIT Test. Rispondi a una serie di domande che ci serviranno per inquadrare il tuo profilo e per fornirti informazioni utili a migliorare la tua presenza online.

Il servizio è gratuito e riservato alle aziende emiliano-romagnolelombarde, umbre e delle province di Caserta, Catanzaro, Cosenza, Genova, Lucca, Massa Carrara, Pisa, Udine, Salerno. Inizia il tuo percorso