Torna su

 

 

 

 

Ambito: Marketplace

I marketplace Business to Business: quali sono, come funzionano

1 aprile 2020
di lettura

Le aziende Business to Business tradizionali che vogliono avvicinarsi all’eCommerce, possono cominciare a sperimentare le vendite digitali utilizzando i marketplace BtoB, soprattutto per fare export, limitando in tal modo gli investimenti per i vari mercati.

II digital export come nuovo fronte per lo sviluppo delle aziende italiane

Il potenziale complessivo di sviluppo del digital export italiano è grandissimo. Non solo verso l’Europa, ma anche verso la Cina, seguita da India, Usa e da Paesi con una elevata propensione agli acquisti online, in particolare per i beni di lusso.

In tema di digital export, i marketplace giocano un ruolo chiave, e rappresentano una grande opportunità per entrare in mercati remoti senza dover sviluppare una presenza web autonoma, che per essere efficace necessita di grandi investimenti.

In tutti i principali mercati asiatici i marketplace “sono” l’eCommerce. Solo i Brand principali riescono ad avere quote di vendite rilevanti tramite i propri siti online.

I marketplace BtoB

Esistono vari tipi di marketplace BtoB, alcuni specializzati per settori commerciali, altri generalisti, dove cioè è possibile vendere e acquistare qualunque categoria di prodotto.

Cina

Alibaba è la più grande piattaforma BtoB al mondo, dove milioni di imprese comprano e vendono qualunque tipo di prodotti, dai ricambi auto alla componentistica per la termoidraulica, passando dagli oli essenziali ai giocattoli per cani. All’interno del marketplace, è presente una sofisticata attività di marketing mirata a raggiungere e a intercettare i prospect giusti per la propria impresa. Alibaba ha una sede in Italia, ed è disponibile anche in italiano.

Restando ancora nel mercato cinese, il marketplace Made in China mette in contatto fornitori cinesi con società acquirenti straniere. Su Made in China vengono messi a disposizione delle aziende acquirenti dei Report Features a pagamento sulle licenze dei fornitori cinesi e sulle loro capacità produttive, per valutare meglio il fornitore scelto.

Un altro marketplace adatto a chi vuole acquistare da fornitori cinesi è Globalsources, dove le aziende fornitrici vengono distinte tra quelle con account “verificati” e “non verificati”.

Ofweek, con 8 milioni di iscritti, è dedicato in particolare ai prodotti high tech made in China, come ad esempio i pannelli solari, i prodotti per l’illuminazione o le stampanti 3D. Offre diversi servizi, tra cui servizi di consulenza, ricerche di mercato e webinar.

DHgate, è il marketplace leader al mondo per i prodotti di consumo all'ingrosso. Offre una soluzione all-in-one semplice ed economica a qualunque azienda al mondo voglia acquistare e vendere prodotti all'ingrosso in blocco, fornendo servizi di pagamento garantiti, soluzioni logistiche e finanziamenti online.

Jumore Global è una piattaforma e-commerce BtoB  transfrontaliera che opera a livello globale. Aiuta i fornitori a interagire con partner commerciali di tutto il mondo. Copre l'intero processo di approvvigionamento di beni materiali (prodotti chimici, metalli non ferrosi, acciai, energia, minerali, prodotti agricoli, nonché beni industriali come prodotti manifatturieri, macchinari, beni di consumo e alimenti) e di beni immateriali (tra cui finanza, logistica, big data, tecnologia, consulenza e certificazione).  Più di 1,5 milioni sono gli utenti professionali della piattaforma, da oltre 157 Paesi. Il portale è disponibile in diverse lingue, tra cui inglese, cinese, spagnolo.

USA

Quando si parla di marketplace, viene subito in mente Amazon. Amazon ha sviluppato una sezione Business molto affermata negli USA, che è in via di sviluppo anche per altri mercati. Su Amazon Business viene messo a disposizione delle aziende un sistema di scontistica basato sulla quantità ordinata, la possibilità di caricare disegni CAD o manuali per l’utente per illustrare meglio i prodotti, costi di servizio più bassi su alcune categorie di prodotti.

Anche Ebay ha sviluppato un marketplace dedicato al BtoB, Ebay Business Supply. Nella homepage vengono messe in evidenza le categorie di prodotti business di punta del marketplace che aiutano subito a orientarsi.

Il portale USA dedicato alla compravendita di prodotti industriali è Thomasnet. È disponibile sia in versione free che a pagamento, con vari livelli di servizi. È necessario avere una ragione sociale USA per potersi iscrivere come supplier.

Se è l’elettronica il settore che vi interessa, diverse aziende e rivenditori italiani usano già Tradekey, ma è possibile commerciare su questo marketplace anche con altre categorie di prodotti. Ha una versione gratuita, e alcuni livelli a pagamento, con circa 4 milioni di iscritti.

Wholesale Central è una directory BtoB online dal 1996, con sede a Bethel, nel Connecticut. Offre un popolare servizio che consiste nel connettere i rivenditori con migliaia di grossisti, importatori, distributori, dropshipper e produttori in tutto il mondo.

Imaestri è un progetto italiano nato negli USA nel 2014, con l’obiettivo di costruire un ponte commerciale tra le imprese italiane dell’arredo, dell’illuminazione e del design per la casa con il mercato americano. La piattaforma è nata per servire in prima battuta gli interior designers e gli architetti, che negli Stati Uniti scelgono i prodotti di arredamento per i loro clienti finali, e successivamente si è aperto anche ai consumatori finali, che possono comprare direttamente i prodotti dal sito.

Europa

In UK il marketplace BtoB di riferimento è Esources. Mette in relazione le aziende straniere con quelle britanniche per acquistare o vendere i propri prodotti, con un costo di abbonamento contenuto.

Techpilot, è il marketplace BtoB leader in Europa per componenti industriali progettati su misura, con sede a Monaco di Baviera. Sulla piattaforma si trovano fornitori da tutta Europa in grado di garantire la realizzazione di componenti singoli o in serie per varie tecnologie di produzione.​ Mette in contatto oltre 16.500 compratori con oltre 22.600 fornitori, che offrono un totale di 280 tecnologie. Il sito è disponibile in tedesco, inglese, francese, italiano olandese.

Agrelma è un marketplace BtoB specializzato nell’agroalimentare e focalizzato principalmente sul mercato europeo, ma aperto agli operatori di tutto il mondo. La piattaforma può contare su oltre 1800 aziende registrate ed è disponibile in 6 lingue (italiano, inglese, spagnolo, portoghese, francese, tedesco). Il servizio principale che offre Agrelma è il contatto diretto tra chi offre e chi acquista: sulla piattaforma sono visibili proposte di acquisto e offerte di vendita, con le specifiche dei singoli prodotti, che permettono di sviluppare contatti diretti e immediati tra importatori, centri d'acquisto e produttori del food&wine.

OpenMineral è una piattaforma digitale BtoB, specializzata nel commercio di materie prime, che ha sede a Zugo, in Svizzera, ma che opera in tutto il mondo con uffici in America Latina, Asia ed Europa. Basata su cloud, collega acquirenti e venditori per aiutarli a scambiare le materie prime tra di loro in modo diretto e indipendente. Con potenti strumenti analitici, OpenMineral semplifica le negoziazioni, razionalizzando gli scambi e fornendo accesso ai servizi commerciali essenziali. La società si dedica principalmente ai mercati di zinco, piombo, rame, oro e argento.

Vatera è il più grande marketplace ungherese BtoC di proprietà della società Dante International Kft. Fondato con l'obiettivo di aiutare venditori e acquirenti a incontrarsi e a creare opportunità economiche per tutti, oggi viene frequentato da oltre 2 milioni di utenti che effettuano ogni mese centinaia di migliaia di acquisti. Come piattaforma leader con la più vasta gamma di prodotti in Ungheria, Vatera presta particolare attenzione al trading sicuro e allo sviluppo del sito, per adattarsi al meglio alla user experience degli utenti.

India

Trasferendoci in India, troviamo il marketplace Hellotrade, di proprietà di Indiamart, il più grande marketplace del mercato indiano. Su Hellotrade, le aziende di tutto il mondo possono commerciare prodotti nel mercato indiano e non solo.

Corea

Volendo sperimentare mercati più lontani dal nostro, il marketplace Coreano Ec21, partner dell’Unione Europea per la promozione delle aziende europee in Corea, vanta un traffico di quasi 3 milioni e mezzo di persone e mette a disposizione circa 7 milioni di prodotti.

Come usare i marketplace

Valutare in prima battuta quale marketplace è più indicato per il proprio tipo di business. Alcuni sono più adatti al Made in Italy, altri all’elettronica o alla tecnologia. Inoltre, bisogna capire se il marketplace BtoB che vorremmo utilizzare viene frequentato più da produttori, da rivenditori o da grossisti.

Dopo aver deciso quale marketplace sperimentare, conviene organizzarsi con almeno una persona dedicata alla gestione dell’account che va tenuto sempre aggiornato e presidiato, con schede prodotto realizzate in chiave SEO, prezzi aggiornati in base alla concorrenza e un buon cross selling per spingere anche le occorrenze meno cercate.

Cercate di capire bene quali sono i vostri bisogni, potrebbe bastarvi un account free, ma ricordate che gli account a pagamento offrono sempre maggiore visibilità e il marketing sul marketplace può diventare un ottimo investimento per battere la concorrenza.