Torna su

 

 

 

L’evoluzione dei servizi postali in Europa a favore dell’e-commerce

21 dicembre 2020
di lettura

Ecommerce Europe ha pubblicato il Position Paper sulla direttiva sui servizi postali (PSD), alla luce della consultazione pubblica della Commissione europea sulla valutazione della direttiva e dei suoi impatti sullo sviluppo dell’e-commerce all’interno dell’Unione Europea.

La PSD, originariamente concepita 20 anni fa e modificata l'ultima volta nel 2008, ha rappresentato la prima fase della creazione di un mercato interno dei servizi postali nell'UE. Tuttavia, attraverso il commercio elettronico e la crescita dei servizi di consegna commerciale, la creazione di un mercato interno dei servizi postali è entrata in una seconda fase. Il commercio elettronico ha svolto una forza particolarmente positiva per i fornitori di servizi postali, guidando i volumi di pacchi attraverso le loro reti in un momento di calo dei volumi di lettere.

A questo proposito, Ecommerce Europe sostiene in primo luogo un'armonizzazione e un chiarimento delle definizioni e dei termini di riferimento postali (ad es. Pacco, posta, invii postali, servizi postali, fornitori di servizi postali, ecc.). Tra il quadro normativo postale e altri quadri normativi. Solo quando saranno disponibili definizioni armonizzate, sarà possibile valutare appieno se l'armonizzazione dei termini è sufficiente o se è necessario rivedere ulteriormente il quadro legislativo postale dell'UE.

Va, inoltre, considerato che la crescita esponenziale dell'e-commerce ha fatto evolvere la domanda dei consumatori. Sebbene la consultazione della Commissione non sollevi la questione se le disposizioni esistenti in materia di servizi postali nella direttiva sui diritti dei consumatori siano sufficienti o se siano necessarie disposizioni specifiche / aggiuntive, Ecommerce Europe ritiene molto importante chiarire questo aspetto. A nostro avviso, la legislazione dell'UE sui consumatori prevede già una protezione sufficiente per i consumatori finali. Per quanto riguarda il consumatore finale, il rapporto contrattuale in una transazione di commercio elettronico dovrebbe rimanere incentrato su quello tra venditore e consumatore. I consumatori che acquistano beni online non hanno un contratto con il fornitore del servizio postale, poiché questo è curato dal venditore stesso.

Questo è il motivo per cui Ecommerce Europe non supporta la direzione recentemente suggerita da ERGP nel suo rapporto sui "problemi dei consumatori" per introdurre un potenziale diritto per il destinatario (consumatore finale) di scegliere un fornitore di consegna di sua scelta. I consumatori mancherebbero delle conoscenze necessarie per prendere una decisione informata al riguardo. Inoltre, la scelta del venditore può dipendere da diversi fattori, tra cui affidabilità, qualità del servizio, costi, disponibilità, partnership strategiche, aspetti ecologici e qualsiasi altro servizio che un venditore vorrebbe offrire ai propri consumatori per servirli nel miglior modo possibile.

Per quanto riguarda l'obbligo di servizio universale (USO), il PSD aveva ovviamente l'obiettivo fondamentale di creare un mercato comune per i servizi postali nell'UE e garantire la fornitura di un servizio postale di base ed economico, per corrispondenza e pacchi, per tutti cittadini su tutto il territorio. L'USO per i pacchi è necessario per mantenere alta la partecipazione economica, far crescere le piccole imprese espandendone la portata e funge da grande equalizzatore di opportunità per le comunità rurali, vulnerabili e svantaggiate. Pertanto, Ecommerce Europe cerca di rafforzare l'USO, soprattutto garantendo una copertura geografica del 100% per le operazioni di ritiro e consegna dei pacchi, anche in aree molto costose o remote. Detto questo, Ecommerce Europe sottolinea con fermezza che qualsiasi intervento normativo importante dovrebbe essere proposto solo quando vi è una giustificazione chiara e basata su prove per intervenire, come il fallimento del mercato. 

Vuoi ricevere maggiori informazioni o consigli per la tua azienda?

Scopri il servizio gratuito DigIT Expert per aziende della provincia di Genova, Milano, Monza Brianza, Lodi, Modena, Pordenone-Udine e Ravenna.

Iscriviti a DigIT expert e fissa un appuntamento gratuito per confrontarti con un nostro esperto.

Vuoi analizzare le potenzialità online della tua azienda e migliorarle per vendere all'estero?

Scopri DigIT Test. Rispondi a una serie di domande che ci serviranno per inquadrare il tuo profilo e per fornirti informazioni utili a migliorare la tua presenza online.

Il servizio è gratuito e riservato alle aziende delle province di Bergamo, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Genova, Milano Monza Brianza Lodi, Modena, Pisa, Perugia, Pordenone - Udine, Ravenna, Salerno. Inizia il tuo percorso