Torna su

 

 

Digita il paese, il settore, il prodotto o l'argomento di tuo interesse per trovare aggiornamenti sul mondo dell'export digitale, informazioni relative ai principali marketplace, dati di mercato ed eventi.

 

 

Pagamenti e gestione ciclo attivo per le vendite online BtoB

2 dicembre 2019
di lettura

Le vendite online tra imprese BtoB sono un'enorme opportunità per le aziende di tutti i settori per far crescere il proprio fatturato, ridurre tempi e costi legati all'amministrazione, sviluppare il business in nuove aree e servire meglio i clienti.

Il BtoB coinvolge differenti ambiti: dalla fornitura e vendita all’ingrosso di prodotti alimentari, fino alla fornitura di materiali e consumabili di ogni tipo. Materie prime, prodotti per l’industria, semilavorati, servizi: tutti beni che possono essere venduti online da aziende ad altre aziende, in Italia e all’estero. L’export BtoB consente ad aziende e fornitori di tutto il mondo di entrare in contatto, ampliando l’offerta di prodotti disponibili, la personalizzazione degli ordini, la riduzione dei costi.

Uno dei touchpoint fondamentali del ciclo attivo per le vendite online BtoB sono i metodi di pagamento. Per questo l’innovazione lavora a metodi e strumenti di digital payment sempre più semplici da gestire e da utilizzare, migliorando da una parte l’efficienza e dall’altra la customer experience, oltre a renderli sempre più sicuri in termini di autenticazione, tracciamento e transazione, in considerazione delle specifiche esigenze delle imprese.

Nell’e-commerce tutti i pagamenti sono in genere pre-autorizzati se non anche anticipati. Per questo il ciclo tradizionale dei pagamenti, quello in cui l’azienda emette la distinta bonifici da trasmettere alla banca o autorizza la banca a saldare le ricevute bancarie, non è più efficiente e funzionale.

Nell’e-commerce BtoB, il tema dei pagamenti viene gestito in maniera diversa anche rispetto alle vendite ai consumatori finali BtoC, dove lo strumento più utilizzato è la carta di credito. Nel BtoB, il metodo di pagamento d’elezione è il bonifico bancario, che oggi vede un’evoluzione in un servizio a valore aggiunto come quello, ad esempio, proposto da MyBank. Si tratta di una soluzione senza limiti di importo o plafond, che si adatta quindi alle esigenze di quei commercianti che effettuano acquisti con importi medi di scontrino molto elevati. MyBank crea un collegamento diretto tra i conti bancari del venditore e quelli del cliente, senza che i dati personali di entrambi vengano salvati o condivisi online su piattaforme di terze parti e senza richiedere registrazioni. In pratica, l'acquirente seleziona il pulsante di pagamento MyBank nella pagina del carrello e sceglie il nome della propria banca dall'elenco disponibile. In questo modo viene automaticamente reindirizzato all’interfaccia del proprio online banking, dove accede al suo ambiente bancario online con le proprie credenziali d’accesso. L'importo del pagamento viene visualizzato automaticamente, per semplificare la procedura, e può essere facilmente verificato dal cliente prima di procedere con l’operazione definitiva. A questo punto il cliente può autorizzare il pagamento e riceve in tempo reale la conferma del pagamento, così come il venditore saprà istantaneamente che la transazione è stata effettuata.

Il venditore può quindi procedere alla produzione o alla consegna di beni e servizi, senza dover attendere che i fondi gli vengano accreditati sul conto. Riceverà infatti l'importo sul proprio conto corrente bancario tramite un bonifico irrevocabile. Soprattutto, per quanto riguarda le transazioni tra paesi diversi, questa procedura accelera il processo di vendita e di ricevimento dei prodotti acquistati, di diversi giorni.

Secondo i dati della ricerca Netcomm “B2B Digital Commerce 2019” in merito ai servizi legati alla gestione digitale del ciclo attivo, il metodo più conosciuto e allo stesso tempo più utilizzato dai seller è l’anticipo fattura  (conoscenza al 77% e utilizzo al 40%), in particolare per le aziende Ecommerce oriented. Le assicurazioni, tra i metodi tradizionali, e la lettera di credito elettronica, tra quelli innovativi, sono anch’essi metodi conosciuti ma anche se meno utilizzati (rispettivamente il 13% e il 19%).

Lato buyer, il metodo più conosciuto sono le assicurazioni (73%), seguito dalla rateizzazione delle fatture (al 61%). Entrambi rappresentano anche i servizi più utilizzati, insieme alle carte di credito plastiche e-procurement, soprattutto tra gli user digital.