Torna su

 

 

 

Svizzera, il mercato più vicino per l’export digitale

17 dicembre 2020
di lettura

La Svizzera è una piccola nazione ma rappresenta da sempre un mercato interessante per l’export italiano, oggi anche via internet.

La Svizzera ha visto le vendite di e-commerce B2C raggiungere 9,34 miliardi di euro nel 2019, rendendolo un mercato estremamente interessante per le imprese che stanno cercando nuovi mercati dove espandersi in Europa.

L'elevata penetrazione di Internet e l'eccezionale logistica fanno sì che il mercato svizzero dell'e-commerce sia uno di quelli con più solide prospettive di crescita anche nei prossimi anni. Nel 2019 circa 7,87 miliardi di euro sono stati generati da merchant online B2C svizzeri, mentre i restanti 1,9 miliardi di euro provenivano da operatori esteri. Le categorie di prodotti online più popolari in Svizzera sono l'elettronica di consumo e la moda. L'anno scorso, il 36% degli acquisti di elettronica di consumo è stato effettuato online.

Secondo lo studio e-commerce Market Switzerland 2019, con un fatturato di 801,8 milioni di dollari, zalando.ch è leader nel mercato dell'e-commerce svizzero. Il negozio è seguito direttamente da digitec.ch con 791,6 milioni di dollari e al terzo posto è andato ad amazon.de con oltre 470 milioni di dollari.

Nel 2019 le imprese italiane hanno esportato in Svizzera per complessivi 23 miliardi di euro, dopo la Germania (62 miliardi) e Regno Unito (26 miliardi), ma davanti agli USA (21 miliardi) e la Francia (18 miliardi).

Il mercato svizzero dell'e-commerce ha un potenziale elevato perché la sua popolazione ha un reale potere d'acquisto e i beni domestici sono costosi, il che significa che gli acquirenti svizzeri hanno soldi da spendere e cercano attivamente online all'estero le migliori occasioni. Nel 2019 gli e-shopper svizzeri hanno speso mediamente online euro 2.419 a testa.

Alcuni consigli per vendere online in Svizzera

Per avere successo in questo paese è necessario operare nelle tre lingue ufficiali, il che significa che tutti i testi del sito devono essere disponibili in tedesco, francese e italiano. In secondo luogo, le norme e i regolamenti doganali unici della Svizzera significano che è ancora più importante che i costi e le informazioni sulla consegna siano chiari e accurati per i clienti finali. Ad esempio, i costi di consegna includono le tasse di importazione? Un costo omnicomprensivo è la soluzione migliore per non sorprendere gli acquirenti con commissioni nascoste nella fase finale del checkout.

Gli acquirenti svizzeri sono già fiduciosi nell’online e moltissimi utilizzano Internet per fare acquisti, quindi chiarezza e trasparenza sono fondamentali. Ma gli acquirenti svizzeri non amano le sorprese: è essenziale offrire una soluzione end-to-end che sia semplice, efficace e completa in termini di costi e tempi di consegna. Secondi una recente ricerca Swiss Post l’85% degli e-shoppers di questo paese preferisce ricevere a casa i propri acquisti online, invece che farli consegnare presso punti di ritiro o locker. Inoltre il 61% preferisci gestire i resi presso l’ufficio postale più vicino.

Analizzando altri trend, come nel resto d’Europa il mobile commerce è diventato davvero rilevante in Svizzera, quindi uno shop online ottimizzato per gli smartphone è essenziale. Anche la sostenibilità sta diventando sempre più importante per i clienti e questo significa scegliere partner per i trasporti e la logistica che condividano i valori di sostenibilità, ridurre il consumo di energia e compensare le emissioni di carbonio investendo in progetti green.

Vuoi ricevere maggiori informazioni o consigli per la tua azienda?

Scopri il servizio gratuito DigIT Expert per aziende della provincia di Cosenza, Genova, Milano, Monza Brianza, Lodi, Modena, Pordenone-Udine e Ravenna.

Iscriviti a DigIT expert e fissa un appuntamento gratuito per confrontarti con un nostro esperto.