Torna su

 

 

Digita il paese, il settore, il prodotto o l'argomento di tuo interesse per trovare aggiornamenti sul mondo dell'export digitale, informazioni relative ai principali marketplace, dati di mercato ed eventi.

 

 

Ambito: E-commerce

Vendere nell'engagement economy

10 novembre 2018
di lettura
L’internet mobile sta rivoluzionando il rapporto dei clienti con i punti di vendita fisici.

I punti di contatto con il cliente crescono, l’aspettativa di una relazione personalizzata con brand e prodotti è sempre più diffusa e gli strumenti per crearla sono oggi accessibili alle imprese. 

Negli ultimi anni i brand più innovativi della moda hanno iniziato a ripensare il negozio fisico - e le stesse collezioni - come complemento dell’immagine digitale. Con il "Reverse Omnichannel" lo store fisico integra il digitale che non è più solo un canale di vendita e comunicazione. 

La possibilità di comparare su internet e restituire in negozio, di comprare online e ritirare in negozio, di comprare in negozio attingendo allo stock che non è presente fisicamente nel punto di vendita, sono solo alcuni delle nuove opportunità offerte dalla digitalizzazione. ll confronto di prezzo e di caratteristiche del prodotto avviene sempre più tramite lo smartphone e ogni punto vendita è potenzialmente in concorrenza diretta con tutti i retailer on line.

Il cliente sa muoversi in questa realtà in rapida evoluzione, modificando abitudini di acquisto e valori di riferimento. È quindi molto importante acquisire strumenti di analisi puntuali che consentano di conoscere tempestivamente i nuovi trend.

Gli Indicatori di Performance generati dai sistemi contapersone, per esempio, danno informazioni dinamiche e fanno comprendere come evolve nel tempo la reazione dei clienti rispetto a un format di vendita (location, layout, promozioni, assortimento, prezzi, servizio).

Sfruttando l'Internet delle cose è inoltre possibile offrire in store un nuovo approccio al prodotto, interattivo e personalizzato. I retailer più dinamici offrono esperienze e servizi coinvolgenti, che intrattengono e che non possono essere erogati nell’e-commerce.

Un valido esempio di connected store

Sephora punta sulla complementarietà tra e-commerce e negozi fisici e mette le esigenze dei clienti al centro della sua strategia. Il Beauty Hub di Sephora è uno spazio all’interno del negozio che consente di:

  • provare i prodotti con il supporto di consulenti di make up e nuovi trend
  • testare virtualmente i look tramite «Virtual Artist» per poi condividere il risultato sui social e nella community Sephora Beauty board.

Le clienti possono anche prenotare sul sito Sephora.it sedute di trucco gratuito (15 minuti) o personalizzate (30 minuti).

Questo arricchimento dell’esperienza di acquisto, che integra mondo fisico e mondo virtuale, consente di qualificare l’offerta e di fidelizzare la clientela.